03-pozzo-bucone

Spedizione Esplorativa in Macedonia – 2016

Si è appena conclusa la spedizione in Macedonia organizzata dal Centro di Speleologia Montelago in collaborazione con il Team Spit Sport e lo Speleo Club Chieti. Il gruppo partito il 16 agosto dal porto di Ancona aveva come obiettivo quello di effettuare ricerche di superficie e recuperare informazioni a carattere speleologico ed allacciare rapporti con gruppi speleo ed autorità locali per future esplorazioni.

Guarda il video racconto dell’esplorazione

Sin da subito si è percepita l’enorme potenzialità esplorativa del territorio, anche dalla visione di immagini satellitari che mostravano una importante presenza di segni di carsismo superficiale. In particolare ha destato la nostra attenzione, la parte ovest della Nazione a confine con l’Albania dove non si avevano notizie di cavità rilevanti.

Presi i primi contatti con la Federazione Speleologica Macedone ed in particolar modo con il vice presidente Marjan Temovski ed il suo gruppo Sk Zlatovrv, abbiamo potuto verificare che nell’area di nostro interesse non vi erano ricerche esplorative recenti ne documentazione di grotte conosciute o pubblicazioni speleologiche. Incontrati gli speleologi locali i primi giorni di spedizione, abbiamo avuto modo di conoscerci e visitato con loro alcune grotte nella parte est del paese, la grotta Provalata e la grotta Melincka, oggetto di interessanti studi scientifici e pubblicazioni da parte del gruppo Zlatovrv.

Il 18 agosto siamo partiti per Vrutok nel comune di Gostivar per dare inizio alle nostre ricerche; i nostri propositi iniziali di una pre-spedizione si sono immediatamente trasformati in tutt’altro, ottimi risultati, invero, sono emersi sin dalle prime esplorazioni.

La discesa del primo pozzo salone di circa 30 mt., il cui imponente ingresso era stato visto dal satellite, a sud del parco di Mavrovo, ci ha condotto in una grande sala di crollo di circa 30×40 mt., ricco di vecchie concrezioni nascoste da muschi ricordava quasi un ambiente pluviale. L’enorme cono di frana alla base del pozzo è completamente ricoperto da un folto muschio verde ed a lato un soffice cumulo di alcuni metri di guano e fango introduce in un bel meandro chiuso da vari blocchi di frana. Solo dopo averla esplorata completamente ci siamo accorti di una vecchia “scarburata” e quindi di aver probabilmente “ri-scoperto” qualcosa di conosciuto ma perso sia dalla Federazione speleologica macedone sia dal governo sia dal Parco Nazionale di Mavrovo sia da Marjan Temovski che sta cercando di istituire un catasto grotte locali, attualmente inesistente. Abbiamo rilevato fotografato e battezzato la grotta “BELUL”, in nome del piccolo pastore di 14 anni che lavorava lì vicino, in attesa di ulteriori ricerche in merito.

Si è potuto verificare, palesemente, che l’attività speleologica esplorativa in Macedonia ha subito una brusca frenata in questi ultimi decenni a causa di motivi socio-politici e di conflitto interno e che questa attività è stata portata aventi principalmente da spedizioni estere in particolar modo speleosubacque.
Di fatto il territorio di Mavrovo sembra sia stato “ignorato” in questi ultimi anni, ma ha mostrato a noi tutto il suo potenziale. Un enorme massiccio calcareo che copre un area di circa 350 Km2 pieno di doline che si sviluppa con vette e pianori tra i 1600 mt. e 2100 mt. di altitudine ed alle cui pendici conta numerose risorgenze che superano abbondantemente un metro cubo al secondo.

Abbiamo battuto la zona ed aree limitrofe in minima parte, rilevando almeno n. 4 ingressi importati chiusi da frane ma con passaggio d’aria promettente e raccolto altrettante segnalazioni da pastori che non abbiamo potuto verificare per mancanza di persone e tempo.

Negli ultimi giorni, infatti, la nostra presenza ha suscitato la curiosità oltre che delle autorità locali, anche di esponenti di governo, con i quali abbiamo avuto numerosi incontri in cui hanno mostrato un notevole interesse per la nostra attività. Sull’onda di questo entusiasmo generale alcuni rappresentati del governo, in particolar modo il presidente del partito e deputato Ali Ahmeti hanno preso contatto con alcune persone di un villaggio locale affinché ci accompagnassero all’ingresso di una grotta particolare. Da tempo essa rappresenta un mito per gli abitanti della zona e sulla stessa aleggiavano notizie inquietanti. Una volta entrati stentiamo a credere a quello che ci presenta: dispersi lungo una condotta percorribile per circa 50 mt, troviamo un numero indescrivibile di ossa umane contando circa 50 crani. La disposizione di essi non lascia dubbi che in parte siano stati spostati dall’uomo, probabilmente cercatori d’oro, che hanno lasciato qualche traccia di cera di candele sulle pareti. Il pavimento è ricoperto da uno spesso e compatto strato di fango e sedimenti dai quali emergono ovunque ossa umane; ne notiamo diverse anche concrezionate al fondo ed alle pareti. In terra, sopra i sedimenti si vedono numerosi crani, all’apparenza molto meglio conservati di quelli nascosti dai sedimenti. Non avendo esperti nel gruppo non azzardiamo nessuna teoria ma possiamo ipotizzare che i reperti ritrovati appartengono a periodi ben lontani nel tempo. Gli abitanti del luogo ci narrano di leggende legate a donne suicidatesi in massa, buttandosi in pozzi, per non cedere alla dominazione ottomana.

Il Presidente Ali Ahmeti e diverse autorità locali sono state accompagnate da noi all’interno del sito per verificare di persona i ritrovamenti. Su loro esplicita richiesta abbiamo raccolto un cranio ed una mandibola per una prima analisi che consegnato personalmente ai ministri dell’Ambiente e della Giustizia. Tale ritrovamento ha suscitato così tanto interesse che c’è stato chiesto di coordinare un gruppo di lavoro di ricerca internazionale; per tale ragione ci attiveremo quanto prima per coinvolgere istituti e ricercatori qualificati. Successivamente, dopo alcune ricerche, ci è arrivata notizia che il gruppo Peoni di Skopje era già a conoscenza della cavità, ma secondo noi sono comunque necessarie ulteriori verifiche legate anche al fatto di una mancanza di un catasto speleologico locale.

I giovani di Vrutok spinti dall’entusiasmo e dall’attività svolta hanno mostrato interesse per la costituzione di un gruppo speleologico locale.

Ci imbarchiamo il 28 agosto per l’Italia soddisfatti per aver raggiunto gli obiettivi prefissati e ancor più per i lavoro che ci si prospetta.

Hanno partecipato:
Sefedin Arslani (Secco) / Daniele Ferranti / Alberto Di Fabio / Andrea Gianangeli / Giorgio Marinelli / Cristina Carlocchia
Giampaolo Bellesi / Giacomo Berliocchi / Paola D’Eugenio / Eugenio Berliocchi / Luigi Russo / Serena

Un ringraziamento particolare a Jeton Osmani per il supporto logistico e per averci guidati durante il nostro soggiorno, a Marjan Temovski ed al suo gruppo Sk Zlatovrv per l’accoglienza la disponibilità ed estrema professionalità e competenza messaci a disposizione ed a Sefedin Arslani (Secco) per averci incuriosito raccontandoci la bellezza delle sue montagne.

Ringraziamo il Presidente Ali Ahmeti ed il Sindaco di Gostivar, Nevzat Bejta, per il supporto istituzionale, l’ospitalità e la fiducia riposta nei nostri confronti.

Non ultimo gli abitanti di Vutrok che ci hanno accolto ed ospitato per dieci giorni come veri fratelli.